Franco Grillini un impegno per i diritti e le libertà

LoginRegister
Home » RSS PRINCIPALE » Rassegna stampa » Sacerdoti in corsia, il Sant’Orsola taglia i fondi per l’assistenza religiosa dopo la mia interrogazione
A+ R A-
18 May

Sacerdoti in corsia, il Sant’Orsola taglia i fondi per l’assistenza religiosa dopo la mia interrogazione

Il Sant’Orsola taglia i fondi per l’assistenza religiosa in corsia. Cioè quelli per i sacerdoti che vanno in ospedale per celebrare messa o dare conforto ai pazienti ricoverati. La nuova convenzione tra il policlinico e la diocesi di Bologna passa infatti da 128mila a 102mila euro, l’equivalente di un prete in meno sui cinque che fino all’anno scorso prestavano servizio nella cittadella sanitaria di via Massarenti.

Un piccolo risparmio di 26mila euro, dovuto anche alla legge regionale in materia che mette in relazione il numero di assistenti religiosi ammessi in corsia al totale di posti letto che ci sono in ospedale. Calando il numero dei letti, diminuisce l’entità della convenzione.

La spesa per i sacerdoti, a gennaio, era finita nel mirino del consigliere regionale ex Idv Franco Grillini. Che, dati alla mano, ha denunciato come in quattro anni le Ausl della regione abbiano speso complessivamente 2,2 milioni di euro per il servizio, contestato duramente anche dall’Unaar (Unione degli atei e degli agnostici razionalisti). E lo stesso Grillini ha presentato una risoluzione per convincere la giunta ad attuare una sorta di spending review religiosa, per cambiare le leggi nazionali e regionali "visto che i costi sono particolarmente gravosi". A parte l’importo economico, la nuova convenzione firmata dai dirigenti del policlinico e dal cardinale di Bologna Carlo Caffarra rimane comunque simile a quella degli anni passati. I quattro assistenti religiosi, scelti dalla diocesi, si occupano di attività "dirette all’amministrazione dei sacramenti, alla cura delle anime, alla catechesi, all’esercizio del culto". Devono garantire "anche la reperibilità nelle ore notturne per i casi urgenti", hanno diritto all’utilizzo di spazi dell’ospedale, possono accedere alla mensa aziendale e ai parcheggi riservati ai dipendenti.

di ROSARIO DI RAIMONDO

La Repubblica

Scegli la categoria degli articoli per visualizzarli

Login

Register

*
*
*
*
*

* Field is required