Franco Grillini un impegno per i diritti e le libertà

LoginRegister
Home » RSS PRINCIPALE » Comunicati Stampa » Il diritto alla salute sessuale non è un capriccio
A+ R A-
07 May

Il diritto alla salute sessuale non è un capriccio

Il consigliere LibDem Franco Grillini ha presentato oggi un’interrogazione a risposta immediata auspicando un forte impegno da parte della Giunta regionale per sostenere adeguati interventi educativi che promuovano una più matura cultura della sessualità tra i giovani.
“Il diritto alla salute sessuale, e cioè alla declinazione del più generale diritto alla salute sancito costituzionalmente – afferma Grillini – non è un capriccio e neppure cela la volontà di distruggere le basi del nostro vivere comune. Se consideriamo i crescenti tassi di diffusione di HIV e delle altre malattie sessualmente trasmesse, le gravidanze indesiderate tra adolescenti e i tanti, troppi casi di violenze, mi sembra di tutta evidenza che si debba promuovere una cultura della sessualità che favorisca un atteggiamento maturo e responsabile, soprattutto se ci si rivolge agli adulti di domani.” Alla sempre maggiore richiesta di educazione sessuale proveniente dagli studenti emilianoromagnoli di ogni ordine e grado, gli istituti hanno risposto inserendo nella loro programmazione specifiche lezioni tematiche avvalendosi di soggetti, enti o associazioni esterne dotati di specifiche competenze rispetto ai vari aspetti trattati. 
“Questo tipo di collaborazione – prosegue Franco Grillini – ha reso possibile un approccio veramente completo e di alto livello alle tematiche della sessualità. I grotteschi attacchi portati da qualche clerico-fascista ai percorsi svolti recentemente in alcune scuole della regione farebbero sorridere se non fossero stati definiti, in maniera omofoba e ignorante, <<scuole per imparare a diventare gay>>. A queste persone mi limito a rispondere che la sessualità non la si impone, men che meno a scuola, ma è un processo estremamente delicato e profondo con il quale ognuno di noi deve entrare in contatto. L’educazione sessuale scolastica è informazione, cultura, quindi è libertà. Bene quindi la risposta della Regione che afferma come l’Assessorato, anche al di là delle proprie competenze istituzionali, ha sostenuto le autonomie scolastiche prevedendo risorse per progetti che sono stati espressi dalle iniziative delle singole scuole, considerando positivamente che i temi sollevati nella mia interrogazione trovino spazio in queste attività.”

Scegli la categoria degli articoli per visualizzarli

Login

Register

*
*
*
*
*

* Field is required