Franco Grillini un impegno per i diritti e le libertà

LoginRegister
Home » RSS PRINCIPALE » Rassegna stampa » Nella vicenda del pestaggio al Cassero ci sono due vittime: il ragazzo picchiato e il Cassero stesso
A+ R A-
23 Mar

Nella vicenda del pestaggio al Cassero ci sono due vittime: il ragazzo picchiato e il Cassero stesso

Franco Grillini risponde così alla lettera inviata al Carlino dalla madre del ragazzo picchiato al Cassero da un soggetto conosciuto dalle forze dell'ordine:

 

Cara signora, la ringrazio della sua lettera che, sia pure critica, è scritta in modo civile e per molti versi condivisibile. Da parte mia non c'è stata nessuna banalizzazione ma il tentativo di far capire che in questa vicenda ci sono due vittime: suo figlio, cui va tutta la mia solidarietà e l'augurio di pronta e totale guarigione, e il Cassero, che si è trovato in casa un individuo già noto alle forze dell'ordine come violento, che ha potuto scorrazzare liberamente con il suo branco e malmenare una persona perbene per futilissimi motivi. Come ha sottolineato il circolo, la prima preoccupazione è stata quella di assistere suo figlio nel modo migliore e più tempestivo possibile. Se c'è stata una mancanza o una problematicità nell'avvertire la polizia e soprattutto da parte di chi lo doveva fare, sarà presto accertato: ma gli stessi giornali raccontano che il circolo si serve di un'agenzia di sicurezza formata e certificata dalla Prefettura e che - lo scrive anche il questore nel provvedimento - pare che non abbia seguito in questo caso le procedure previste. A me sconcerta, lo dico con franchezza, che ci sia stata una strumentalizzazione politica di chi non vedeva l'ora di infangare, assieme al circolo, un'intera comunità di cui lei dice di difendere le ragioni, e per questo la ringrazio. Ora dobbiamo chiederci se da un male può scaturire un bene, vale a dire una riflessione comune sulla lotta alla violenza e sulla garanzia che chi delinque sia messo nelle condizioni di non nuocere, per esempio come suggerisce il procuratore aggiunto Giovannini, con l'applicazione del Daspo anche ai frequentatori dei locali d'intrattenimento con gravi reati contro la persona. Perché le complessità della nostra Giustizia rischiano di essere un vantaggio per questi violenti: perciò forse è ora che le forze dell'ordine e i locali pubblici e i circoli privati stipulino un protocollo con regole chiare valide per tutti perché fatti del genere non succedano più.

Franco Grillini, consigliere regionale LibDem 

Scegli la categoria degli articoli per visualizzarli

Login

Register

*
*
*
*
*

* Field is required