Franco Grillini un impegno per i diritti e le libertà

LoginRegister
Home » RSS PRINCIPALE » Comunicati Stampa » Grillini (Gaynet): omofobia, libertà di opinione? Sono i clericali a pretendere la libertà d’insulto
A+ R A-
24 Jul

Grillini (Gaynet): omofobia, libertà di opinione? Sono i clericali a pretendere la libertà d’insulto

Qualcuno sta dicendo che non si discuterà il ddl sull’omofobia perché il M5S fa ostruzionismo. Si tratta di una stupidaggine perché occorre dare atto agli amici grillini di essere stati coerenti e di aver votato di conseguenza mantenendo ferma la barra sulla posizione del movimento lgbt. Piuttosto mi sembra che i problemi siano interni alla maggioranza che si deve assumere le sue responsabilità perché i clericali dei 3 partiti che compongono la “strana” maggioranza lettiana si sono messi d’accordo per far naufragare la legge stessa o perlomeno ci provano. Già il progetto di legge in discussione è poco più che acqua fresca. Se poi ci si mettono pure i servi sciocchi del Vaticano a cercare di cancellare i pochi articoli che hanno una lontana efficacia bisogna dire che non si capisce bene che fine farà il topolino partorito dalla montagna.

 

La vera e propria idiozia che circola in questi giorni nelle menti eccelse del centrodestra è che il testo base uscito dalla Commissione Giustizia violerebbe la libertà di opinione ovviamente senza dire di grazia come e dove anche tecnicamente sarebbe possibile. Ma se di fatto le norme previste sono inefficaci e di difficile applicazione come sarebbe possibile che addirittura violino la libertà di opinione? Totò direbbe “ma mi faccia il piacere”. In realtà oggi, come nelle legislature precedenti, l’ipocrisia della destra clericale, salvo lodevoli eccezioni, nasconde la volontà di continuare a rivendicare la libertà d’insulto verso la comunità lgbt, licenza di dileggiare come fanno gli esponenti “talebani” del Pdl che a parole si dicono contrari alle discriminazioni ma nei fatti, da alcuni decenni, bloccano ogni normativa che cerchi seriamente di porre rimedio alla piaga dell’omofobia.

 

Si vada quindi in aula e si voti speditamente la legge correggendola e reintroducendo l’art 3 sull’aggravante senza la quale il provvedimento semplicemente non ha senso.

 

Franco Grillini

Presidente di Gaynet

Consigliere regionale ER LibDem

 

Scegli la categoria degli articoli per visualizzarli

Login

Register

*
*
*
*
*

* Field is required